Elf Me: due chiacchiere con Lillo, i registi e il cast

Autore: Nicholas Massa ,
Copertina di Elf Me: due chiacchiere con Lillo, i registi e il cast

In occasione dell’uscita su Prime Video, il 24 novembre 2023, di Elf Me, il nuovo film con Lillo Petrolo, Anna Foglietta, Claudio Santamaria, Caterina Guzzanti e Federico Ielapi, diretto da Niccolò Celaia e Antonio Usbergo, abbiamo avuto modo di partecipare all’anteprima e alla conferenza stampa dedicata alla presentazione della pellicola. Sul posto c’era il cast, i registi e gli sceneggiatori Gabriele Mainetti, Giovanni Gualdoni, Leonardo Ortolani, Marcello Cavalli e Tommaso Renzoni.

Così abbiamo avuto potuto approfondire sia le dinamiche più creative e tecniche di Elf Me con tutti loro, che avere dei punti di vista diretti sui lavori attuati sul set e sulle ragioni dietro ad alcune scelte specifiche strettamente connesse con il prodotto e la sua identità formale e narrativa come lo vedrete.

Advertisement

Accedi a Prime Video con il tuo abbonamento Amazon Prime

La genesi di Elf Me e il lavoro con gli attori 

La prima domanda alla conferenza stampa di Elf Me è stata fatta direttamente ai due registi sul posto. Chiedendo a Niccolò Celaia e Antonio Usbergo della genesi del progetto, hanno spiegato di essere stati coinvolti da Gabriele Mainetti, per poi capire che si trattava qualcosa di effettivamente coerente con le loro stesse corde, e che si sono divertiti molto a realizzare, specificando l’importanza degli effetti speciali impiegati e della loro lettura attraverso le metodologie del cinema italiano. Sono arrivate anche conferme nei confronti della loro ispirazione, rivelando che alcune sequenze si sono originarie da momenti storici della filmografia di Steven Spielberg:

Nell’approccio di regia abbiamo cercato di omaggiare i film spilberghiani. Per noi questo regista è una divinità.

Pure Lillo Petrolo si è trovato interrogato sia sul progetto che sull’interpretazione che ha portato alla costruzione del suo personaggio, rivelando che sognava da sempre di interpretare un ruolo del genere:

Advertisement

Per me è stato un sogno, perché sono da sempre un appassionato di questi film. Tornando al discorso degli effetti speciali, trovo meraviglioso che quelli del film siano stati realizzati da giovanissimi talenti italiani e spero che questo genere di pellicole vada avanti ancora in Italia, perché finalmente potremmo magari avere dei bravissimi professionisti italiani che non espatriano per andare a fare questo tipo di lavori. È giusto che anche in Italia si cominci a fare del cinema di questo tipo. Sono stracontento di aver partecipato.

Courtesy of Prime Video Italia.
Immagine id 4722

Anna Foglietta, invece, è stata intervistata sulla sua Ivana e sulle somiglianze che potrebbe avere, o meno, con lei:

Ho sentito dentro lo spirito natalizio di Ivana. Penso davvero che lo spirito natalizio sia l’aspetto più importante. Di questi tempi in cui si fa fatica ad accettare quello che sta succedendo, avere un momento di sospensione, accendere una piattaforma e trovarsi immersi in un mondo magico, anche con un po’ di cinismo, avere questo momento di sospensione è veramente importante. Il Natale che propiniamo è anche molto etico, con dei valori e dei sentimenti che sembrano essere un pochino fuori moda.

Advertisement

Nel raccontare la propria esperienza sul set, invece, il piccolo Federico Ielapi ha spiegato di essersi trovato molto bene a lavorare sia coi registi che sul set, sentendosi a suo agio con tutti come “in una piccola famiglia”. Alcuni tratti del suo Elia, inoltre, sembra facciano parte anche della sua stessa visione della vita da sognatore. Il suo intervento si è poi concluso spiegando il proprio punto di vista in relazione alla dislessia e al bullismo cui lo stesso personaggio si ritrova a fare i conti durante lo svolgimento di Elf Me, per poi incoraggiare coloro in questa situazione a credere nella propria forza di volontà. 

Ad equilibrare la moralità di Elf Me ci pensa l’antagonista principale interpretato da Claudio Santamaria che, in conferenza, ha spiegato che non è stata affatto semplice la caratterizzazione che vediamo sul piccolo schermo e che si è divertito moltissimo durante la sua costruzione. Essendo che una delle primissime cose che salta all’occhio con il villain è proprio il marcatissimo accento ciociaro che incornicia ogni sua affermazione e momento, anche più intimista, sembra proprio che l’idea di farlo parlare in quel modo sia venuta allo stesso Santamaria proprio per via dell’ambientazione che, a livello geografico, si troverebbe vicino a Roma:

Dire che è stato facile, per me, fare un cattivo del genere... non è proprio stato semplice insomma. Ci siamo divertiti moltissimo Nella costruzione di questo personaggio. Siccome era ambientato in un paesino in montagna vicino Roma, mi sono inventato questa cosa di farlo parlare in ciociaro.

Advertisement

L’attore ci ha poi tenuto a sottolineare che Elf Me è una “commedia che si prende sul serio”, con uno stile che guarda alle grandi commedie internazionali nello stesso senso.

Courtesy of Prime Video Italia.
Immagine id 4723

Il particolare connubio tra la dimensione fumettistica e quella cinematografica in Elf Me

Leggendo i nomi degli sceneggiatori coinvolti in Elf Me non possono non saltare all’occhio sia Leonardo Ortolani (leggendario fumettista) che Gabriele Mainetti (famosissimo regista dell’attuale cinema italiano). Durante la conferenza stampa quest’ultimo è stato interpellato proprio su questo particolare incontro riguardante le loro due dimensioni artistiche di provenienza: 

Advertisement

"Abbiamo pensato a questa storia… era più un’idea che un vero e proprio soggetto”, ha detto Mainetti, per poi continuare:

Insieme a Matteo Guerra abbiamo pensato di portare a bordo anche Leo Ortolani e gli altri, e vedere come questa cosa si potesse sviluppare. Ci sembrava un’idea intelligente, il problema è stato che in fase di soggetto, forse proprio perché si viene dal fumetto, la fantasia era in uno stato proprio eccessivo [ride], quindi era irrealizzabile il film. Poi lo sceneggiatore, Tommaso Renzoni, ci ha aiutato in qualche modo a ridimensionare le nostre possibilità [in linea con quelle cinematografiche]. La cosa per me importante era proprio questa, cercare di provare a creare qualche cosa che fosse estremamente in sintonia con quel mondo alla Mamma ho perso l’aereo, Ghostbusters, Gremlins…

Vi ricordiamo che Elf Me è disponibile su Prime Video dal 24 novembre 2023.

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti al nostro canale Telegram e rimani aggiornato!

Sto cercando articoli simili...