X-Men '97: come funzionano i poteri di Ciclope?

Autore: Manuel Enrico ,

Come se non bastasse essere il leader degli X-Men, la vera sfida per Scott Summers è stata quelle di veder correttamente rappresentati i propri poteri fuori dai comics. Che si tratti di film, serie animate o opere derivate, poco importato che si senta Cyke urlare ‘Optic Blast’, perché i suoi raggi ottici sono sempre stati spiegati in modo fantasioso, almeno fino ad oggi, perché X-Men 97 finalmente mostra correttamente i poteri di Ciclope.

La nuova serie animate mutante erede de Gli Insuperabili X-Men (X-Men: The Animated Series), disponibile su Disney Plus, è stata la prima produzione extra-fumettistica a spiegare correttamente il funzionamento dei poteri di Scott Summers.  

X-Men 97 spiega esattamente come funzionano i poteri di Ciclope

In X-Men '97, Ciclope ha un ruolo di leadership ancora più importante, che nei primi episodi lo ha visto affrontare con un sorprendente grado di controllo momenti di tensione, tanto in seno al gruppo quanto nell’affrontare minacce esterne.

Advertisement

Ciclope nei fumetti Marvel

Comparso sin dagli albori della storia mutante, in The X-Men #1 del 1963, Scott Summer è sempre stato un punto di riferimento dei Figli dell’Atomo. Personaggio complesso, evolutosi da timido adolescente a leader spesso schiacciato dal suo ruolo, Ciclope ha affrontato perdite personali, si è fatto carico di grandi responsabilità e ha mostrato di essere una figura essenziale delle miologia mutante. Una centralità testimoniata anche dalla sua presenza in tutte le digressioni multimediali degli X-Men, che si tratti di videogiochi, cinema o serie animate.

Advertisement

Nei fumetti Marvel, queste raffiche ottiche sono state spiegate come provenienti da un universo alternativo, per il quale gli occhi di Ciclope agiscono come un portale. Ciclope deve indossare speciali occhiali di quarzo rubino che gli consentono di controllare questo potere devastante.  A complicare questa sua condizione è il fatto che i suoi poteri non sono utilizzabili a comando, ma sono perennemente attivi. Grazie ad anni di addestramento e di disciplina, Ciclope, utilizzando il suo visore, ha trasformato questi devastanti raggi ottici in un’arma incredibilmente affilata.

Marvel Animation
Immagine id 9026

Nei fumetti Marvel, i poteri di Ciclope sono stati occasionalmente rappresentati con incongruenze o inesattezze, venendo definiti a volte come forza cinetica ed altre come energia termica. In diverse occasioni i suoi raggi ottici sono stati utilizzati con proprietà legate al calore, andando contro la loro natura di arma concussiva Viene da pensare che in ambito fumettistico non sia canonizzato perfettamente il potere di Scott Summer, al punto che pare legittimo pensare che non siano mai stati presentati nella loro piena potenza.

Advertisement

Ciclope in X-Men 97

Un esempio significativo è in un vecchio fumetto degli X-Men in cui Ciclope esprime preoccupazione nell'usare le sue raffiche ottiche per muoversi in aria, temendo l'atterraggio. Tuttavia, questo trascura il fatto che potrebbe controllare l'intensità e la direzione delle sue raffiche per ammorbidire il suo atterraggio. Queste incongruenze evidenziano l'occasionale trascuratezza o interpretazione errata dei poteri di Ciclope, anche all'interno dell'universo dei fumetti Marvel.

In A me, miei X-Men, primo episodio di X-Men '97, Ciclope mostra una padronanza incredibile dei suoi raggi, dirigendo le sue raffiche ottiche verso il suolo, usandole come forza propulsiva per muoversi nel terreno di scontro.  Nel secondo episodio, Inizia la Liberazione Mutante, Ciclope utilizza queste raffiche per rallentare la sua discesa mentre cade dall'alto, sfruttando la forza per spingersi verso l'alto e ammortizzare la caduta. Questi momenti sono stati studiati per dare maggior spessore e versatilità ai poteri di Ciclope.

Advertisement

Un errore, o una mancanza di attenzione, che non sembra avere colpito X-Men 97, che al contrario già nei primi episodi sembra avere trovato la giusta definizione dei poteri di Ciclope.

Ciclope al cinema

Nella saga cinematografica degli X-Men della Fox, Ciclope non è mai stato valorizzato come avrebbe meritato il suo personaggio. Un problema notevole risiede nella rappresentazione delle sue raffiche ottiche, spesso presentate in modo ambiguo riguardo alla loro vera natura e prive della profondità dela loro controparte nei fumetti. Invece di mostrare l'intera gamma e potenza delle sue abilità, queste venivano piegate a comode esigenze di sceneggiature, come nello scontro all’interno della Statua della Libertà nel primo X-Men di Singer, mancando di cogliere la loro essenza.

Una debolezza che, inevitabilmente, colpiva anche la visiera di Ciclope. Nel corso della sua vita editoriale, Scott ha utilizzato diverse visiere, alcune con strumenti di controllo integrate addirittura nei guanti, consentendogli di usare i suoi poteri senza dover obbligatoriamente toccare lo strumento. Nei film non si percepisce questa potenzialità, complice una visione stereotipata di Scott troppo intento a proteggere Jean e non ritratto come il leader amato nei comics.

Marvel Animation
Immagine id 9067

Complice una rappresentazione cinematografica di Ciclope sempre legata alla sua natura schiva e afflitta dal vivere il comando come un peso. Aspetto presento nei comics, ma che sviluppato in sessant’anni di storie non perdeva di coesione come accade nel volere presentare il personaggio in chiave così cupa all’interno di un film.

Advertisement

X-Men ’97, sulla scia di X-Men: The Animated Series, tende invece a caratterizzare meglio Scott, introducendo elementi personali del suo passato che emergono in alcuni discorsi. Soprattutto, appare evidente una maggior attenzione ai poteri di Ciclope, che lo rendono anche sul piano tattico una figura di maggior rilevanza.

Abbonati adesso a Disney+ a partire da 5,99€

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti al nostro canale Telegram e rimani aggiornato!

Sto cercando articoli simili...