Come saranno i Jedi in Star Wars: The Acolyte?

Autore: Manuel Enrico ,

Come hanno rivelato il trailer e i dettagli noti della nuova serie di Star Wars in arrivo su Disney Plus,  The Acolyte, mostrerà un Ordine Jedi molto diverso da quello che conosciamo. Ambientata durante l'era dell'Alta Repubblica, periodo che è stato esplorato in vari romanzi, fumetti e persino in un cartone animato, The Acolyte è la prima occasione di mostrare questo periodo Canon in live-action, mostrando l’Ordine Jedi all’apice della sua storia.

Abbonati adesso a Disney Plus a partire da 5,99€ al mese

Advertisement

L'Ordine dei Jedi come visto nella trilogia prequel è un'organizzazione rigidamente strutturata con regole spade e molti segreti. I Jedi dovrebbero essere un gruppo piccolo e stretto, incaricati di essere i guardiani della pace galattica, lavorando a stretto contatto con il Senato Galattica, ma operando in modo autonomo. Quanto abbiamo visto nei racconti che compongono il ciclo dell’Alta Repubblica, tuttavia, ha mostrato una diversa connotazione dei Jedi.

Astronavi

Quando è stata rilasciata la trilogia prequel, una delle aggiunte notabili sono state le astronavi speciali utilizzate esclusivamente dai Jedi. Sono comparse diverse navicelle, come Delta-7 e Eta-2, entrambe regolarmente viste nei film e in Star Wars: The Clone Wars. Molte di queste navi erano conosciute per la loro manovrabilità e la loro potenza di fuoco.

LucasFilm/Disney
Star Wars: The Acolyte
Star Wars: The Acolyte

Queste navi sono completamente assenti nell'era dell'Alta Repubblica, sostituite invece dai veivoli differenti noti come Jedi Vector. Noti per la loro velocità, erano pensate come un'estensione della Forza, al punto che i sistemi d'arma erano così adattati ai Jedi che potevano essere attivati solo tramite l'uso di una spada laser, qualcosa che sembra mancare alle navi Jedi successive.

Esplorazione

Durante l'era dell'Alta Repubblica, gran parte della galassia lungo l’Orlo Esterno doveva ancora essere scoperta. Il compito di tracciare nuovi percorsi e trovare nuovi pianeti era interamente affidato ai Jedi durante questo periodo, poiché era un lavoro pericoloso, considerato la pericolosità dell’Orlo Esterno e i pericoli ignoti che nascondeva. I Jedi erano la migliore speranza della galassia per apprendere qualcosa su ciò che si trovava al di là di ciò che già conoscevano.

Advertisement

Le missioni nell’Orlo Esterno avrebbero consentito di espandere notevolmente l’influenza della Repubblica, inclusa la comunicazione con il resto della galassia, tramite la creazione di nuove rotte iperspaziali che portavano alla scoperta di pianeti prima ignoti Questo ha contribuito a creare la galassia che gli spettatori conoscono oggi, il che significa che non solo l'Ordine dei Jedi, ma anche il resto della galassia sarà un po' diverso in The Acolyte.

Advertisement

Andando di pari passo con il focus dei Jedi sull'esplorazione e l'espansione, essi stabilirono avamposti Jedi in punti chiave della galassia. Erano per lo più situati lungo l’Orlo Esterno, servendo come basi per sostenere l'esplorazione, ma anche per proteggere gli altri mondi circostanti da individui malvagi che si aggiravano nello spazio inesplorato. Molti Jedi si sono addestrati in avamposti come questi, crescendo sulla frontiera galattica anziché a Coruscant.

Il più famoso di questi avamposti era il Faro Starlight, che sembrava ritrovarsi coinvolto in disastri su disastri. Era guidato da Avar Kriss e serviva come un importante baluardo contro i Drengir e i Nihil durante il suo tempo. Alla fine sarebbe stato distrutto dai Nihil, cadendo dall'orbita e atterrando direttamente sul pianeta Eiram appena sotto.

La potenza dei Jedi

C'erano un numero incredibile di Jedi che vivevano durante gli eventi della trilogia prequel, abbastanza per combattere contro i Separatisti, anche se il loro numero era supportato dai cloni. Questo rende ancora più sorprendente che durante l'era dell'Alta Repubblica, i Jedi fossero ancora più numerosi che nei tempi di guerra successivi.

Advertisement

I Jedi erano considerati all'apice del loro potere durante l'era dell'Alta Repubblica, con le loro forze sparse per tutta la galassia e oltre. Templi e avamposti accoglievano centinaia di Jedi, motivato anche dalla necessità di avere numeri sufficienti a contrastare le minacce chi si nascondevano nell’Orlo Esterno.

L'Ordine dei Jedi della trilogia prequel è noto per il suo rigido insieme di credenze. Un Jedi non può avere legami affettivi, non deve mai considerare di usare la Forza in modo che sarebbe considerato oscuro, e generalmente deve rimuovere l'emozione dal loro pensiero. Questo non era necessariamente il caso durante l'era dell'Alta Repubblica, poiché l'Ordine dei Jedi è diventato così grande che è diventato anche più accettante.

Jedi e passioni

I Jedi durante questo periodo erano molto più inclini ad abbracciare l'amore e l'attaccamento. Non era un problema innamorarsi come lo era per Anakin Skywalker, e invece veniva accettato come parte della vita. Imparare a bilanciare l'amore e la paura di perdere qualcuno era una lezione importante da imparare, e una che la Padawan Lula Talisola impara nella serie a fumetti Star Wars: Le avventure dell'Alta Repubblica.

L’età dei padawan

Durante l'era dell'Alta Repubblica, l’Ordine Jedi accoglieva reclute anche di età avanzata, contrariamente a quanto visto nella Skywalker Saga. L'età non era un problema per i Jedi nell'era dell'Alta Repubblica, e molti delle reclute più anziane venivano portate in un altro ordine della Forza noto come Convocazione della Forza su Jedha per essere addestrati. 

Questa sarebbe stata la situazione perfetta per Anakin, poiché avrebbe evitato completamente la lotta per unirsi all'Ordine dei Jedi. Non gli sarebbe stata negata la possibilità di addestramento, soprattutto dal Maestro Yoda - che in passato aveva permesso l'ingresso di studenti più anziani nell'Ordine. Anche se i Sith si credeva fossero estinti in quel periodo e, di conseguenza, c'era poco bisogno di un Prescelto, Anakin sarebbe stato comunque accolto a braccia aperte, sia dall'Ordine dei Jedi stesso che da una delle sette minori.

Nuovi Maestri Jedi

Nel momento in cui si svolge la saga di Skywalker, sono passati circa cento anni dalla fine dell'era dell'Alta Repubblica. A causa di questo, poche specie potrebbero essere vissute abbastanza a lungo da sopravvivere e vedere entrambe le ere. Il Maestro Yoda è uno dei pochi Jedi che ha vissuto per vedere sia l'era dell'Alta Repubblica che l'era Imperiale.

LucasFilm/Disney
Star Wars: The Acolyte
Star Wars: The Acolyte

Per questo motivo, la maggior parte, se non tutti, dei Jedi che verranno mostrati in The Acolyte saranno figure esclusive dell'era dell'Alta Repubblica. C'è la possibilità che appaia il Maestro Yoda, ma a parte questo, ci saranno molti volti nuovi, oltre al ritorno di personaggi come Vernestra Rwoh, una presenza fissa in altri contenuti dell'Alta Repubblica. Questo offrirà l'opportunità per storie più entusiasmanti, offrendo qualcosa di diverso da ciò che Star Wars ha creato in precedenza.

I nemici dei Jedi

I pericoli venivano da tutte le parti durante l'era dell'Alta Repubblica, sotto forma di mostri e pirati. Il più pericoloso di questi era il Nihil, un gruppo di saccheggiatori e pirati che razziavano le linee iperspaziali in tutta la galassia. Il Nihil era noto per il suo odio verso i Jedi, credendo che il loro espansionismo fosse pericoloso e privasse le persone che vivevano in quelle regioni periferiche dei loro privilegi.

Advertisement

Un altro mostro affrontato durante questi tempi era il Drengir, una creatura selvaggia e dotata di tentacoli, ossessionata dal consumo di carne, che prosperava nel caos dell'oscurità e della paura. Il Drengir era noto per essere resistente a armi come le spade laser, rendendoli un nemico pericoloso per un Jedi da affrontare.

I Jedi e la Repubblica

A questo punto della storia, i Jedi e la Repubblica Galattica non erano direttamente collegati. I Jedi potrebbero aver assistito la Repubblica in alcune cose lungo il cammino, ma non erano direttamente associati, come mostrato nella serie prequel. Questo ha portato a un'Ordine dei Jedi non solo più autosufficiente, ma anche più proattivo.

LucasFilm/Disney
Star Wars: The Acolyte
Star Wars: The Acolyte

Anche se, in qualche momento, i Jedi e la Repubblica sono diventati indissolubilmente legati, con i Jedi che sono addirittura andati in guerra per conto loro  l'Ordine dei Jedi dell'Alta Repubblica è riuscito a continuare senza essere chiuso o inaccessibile. Sembra che i due abbiano trovato un perfetto equilibrio in questo periodo, con la comunicazione aperta come chiave anziché la sottomissione diretta. È improbabile che i Jedi in questo periodo sarebbero andati in guerra per conto della Repubblica.

Jedi contro Sith

Per gran parte della storia di Star Wars, la Forza è stata utilizzata in un modo dai Jedi e in un altro dai Sith, con i Jedi concentrati sull'armonia e i Sith focalizzati sull'emozione pura. Nel corso del tempo, personaggi come le Sorelle della Notte di Dathomir hanno rotto quel modello, mostrando che c'è di più nella Forza di quanto non sembri. Questo è anche il caso di quelli dell'Alta Repubblica con personaggi come Elzar Mann, noto per la sua abilità non ortodossa nell’usare la Forza per toccare le menti delle persone.

Per questo motivo, è possibile che The Acolyte mostri la Forza in un modo mai visto prima. C'è un intero mondo di possibilità in avanti, sia con la percezione della Forza che con l'Ordine dei Jedi stesso. Solo il tempo lo dirà, e le domande verranno risposte una volta che The Acolyte sarà finalmente presentato su Disney Plus.

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti al nostro canale Telegram e rimani aggiornato!

Sto cercando articoli simili...