Star Wars: The Acolyte - Episodio 3: le Streghe di Bendock svelano l'origine della Forza?

Autore: Manuel Enrico ,

Il terzo capitolo di Star Wars: The Acolyte, Destino, non si limita svelare finalmente il passato di Osha e Mae, ma fornisce un importante riferimento alla visione Legends della natura della Forza. Ambientato prima degli eventi dei primi due episodi della serie, Destino rivela le origini di Osha e Mae, introducendo la Cerimonia di Ascensione, con cui le due ragazzine entrano a far parte della congrega delle Streghe di Brendok, comparse nella serie di Disney Plus.

Abbonati adesso a Disney Plus a partire da 5,99€ al mese

Advertisement

Cresciute dalle streghe sul pianeta Brendok, le giovani sono pronte ad essere ufficialmente accettate nei ranghi della congrega. Guidata da Madre Aniseya, che ha creato le gemelle usando i suoi rari poteri nella Forza, questa cerimonia di ascensione avviene alla luce dei due satelliti di Brendok. Non solo questi satelliti in eclissi sembrano essere gli stessi visti nel logo di The Acolyte, ma sono anche collegati a una parte molto interessante delle leggende di Star Wars e al canone stabilito riguardante gli aspetti della Forza stessa.

I due lati della Forza

Durante la cerimonia di ascensione, i satelliti rossi e blu compaiono nel cielo notturno, eclissandosi l'un l'altro mentre Madre Aniseya e la congrega eseguono il rituale. Questi due satelliti sembrano quelli dell'antico mondo Jedi di Tython, un mondo legato alle origini dell'Ordine Jedi, con molti studiosi che teorizzavano che potesse essere il sito del loro primo tempio (anche se in realtà è stato Ahch-To, dove Luke Skywalker va in esilio nei sequel).

LucasFilm
Immagine id 11855

Tython fa parte del canone stabilito di Star Wars grazie ad alcuni fumetti di Marvel Comics, come Darth Vader e Doctor Aphra. Tuttavia, l'apparizione più nota del pianeta è stata nella seconda stagione di The Mandalorian, quando Grogu medita sulla pietra del vedere prima di essere catturato dal Resto Imperiale. Tuttavia, il significato dei satelliti di Tython è rimasto principalmente parte delle Leggende non-canonicali (finora).

Advertisement

Nel Legends, si diceva che gli antichi Jedi riflettessero sulla natura dei satelliti di Tython, chiamati Ashla e Bogan. Questo li ha aiutati a sviluppare i concetti degli aspetti luminosi e oscuri della Forza. A tal fine, Ashla e Bogan sono i nomi originali per il lato luminoso e oscuro, fatto che è stato reso canonico grazie a Star Wars Rebels quando sono stati nominati in questo modo dal misterioso essere sensibile alla Forza conosciuto come il Bendu, un'entità potente che afferma di rappresentare il centro tra i due. Pertanto, i satelliti di Brendok sembrano servire come un parallelo chiave ai satelliti di Tython.

Ahsla e Bogan nel Canon

Tenendo presente il collegamento narrativo con Tython e i suoi satelliti, sembra che i satelliti di Brendok indichino una verità fondamentale sul lato oscuro della Forza. Proprio come Ashla e Bogan, i satelliti di Brendok sembrano trovarsi in un'orbita naturale, esistendo contemporaneamente mentre probabilmente rappresentano i due diversi aspetti della Forza stessa.

Ciò suggerirebbe che il lato oscuro è altrettanto naturale quanto il lato luminoso, un aspetto necessario della Forza che deve essere riconosciuto e non può mai essere completamente eradicato. Entrambi sono necessari per raggiungere un vero equilibrio nella Forza.

Advertisement

Non è una coincidenza che Osha e Mae siano nate gemelle grazie al potere della Forza, e che la loro cerimonia di ascensione avvenga su un mondo che contiene due satelliti gemelli. I parallelismi narrativi sono evidenti, inclusa l'idea che, nonostante il fatto che Osha e Mae finiscano per intraprendere percorsi molto diversi crescendo, i loro destini sono chiaramente legati l'uno all'altro, anche mentre le linee tra bene/male e luce/ombra probabilmente continueranno a essere sfumate mentre la serie procede.

LucasFilm
Immagine id 11858

È anche degno di nota che i satelliti di Brendok siano protagonisti di un’eclissi e si avvicinano dando vita a un allineamento. Ciò suggerisce che le streghe di Brendok guidate da Madre Aniseya credano nell'equilibrio piuttosto che in un aspetto dominante sull'altro.

Questo probabilmente è anche collegato alla loro filosofia della Forza, secondo cui il campo energetico che lega tutte le cose viventi nella galassia è in realtà un "Grande Filo" che connette tutto, permettendo che il potere di uno diventi maggiore attraverso il potere di due, e successivamente dei molti, come avviene nella congrega di streghe.

Advertisement

Il destino di Osha

Osha alla fine rifiuta questa idea rappresentata dai satelliti di Brendok. Mentre Mae viene accolta nella congrega, Osha sceglie invece di diventare una Jedi dopo che la cerimonia di ascensione viene interrotta da quattro Jedi che chiedono di testare entrambe le ragazze.

LucasFilm
Immagine id 12318

Osha diventa infine l'apprendista del Maestro Jedi Sol. Tuttavia, è probabile che sia importante il fatto che Osha non abbia seguito il suo percorso Jedi come è stato rivelato nella prima di The Acolyte, suggerendo che il recupero dell'equilibrio potrebbe essere il suo obiettivo finale, e forse anche quello di Mae, mentre lo show di Star Wars continua.

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti al nostro canale Telegram e rimani aggiornato!

Sto cercando articoli simili...