Demon Slayer - Kimetsu no yaiba, un fenomeno da record

Autore: Matteo Garattoni ,

Kimetsu no Yaiba (La spada dell'Ammazzademoni), conosciuto in Italia come Demon Slayer, rappresenta attualmente uno dei fenomeni crossmediali di maggior successo. L'opera, ideata dal mangaka Koyoharu Gotōge, ha preso avvio nel febbraio 2016 con la pubblicazione del suo primo capitolo sulla rinomata rivista specializzata Weekly Shonen Jump, nota per aver dato vita ad altre celebri opere come Dragon Ball, One Piece, My Hero Academia e Naruto.

Advertisement

Il manga, giunto alla sua conclusione in Giappone, ha riscosso un notevole numero di lettori e ha ispirato la creazione di un prequel spin-off basato su uno dei personaggi presenti nella trama principale. È doveroso menzionare anche i vari progetti collegati a questo nuovo brand, che hanno dato vita ad una serie animata, a lungometraggi cinematografici, ad action figure e videogiochi. Ma come ha fatto ad ottenere un seguito così forte e in così poco tempo scalzando dalle classifiche “mostri sacri” come One Piece?

Demon Slayer: alla scoperta del fenomeno manga

Di cosa parla Demon Slayer?

Tanjiro Kamado è il primogenito di una numerosa famiglia di umili origini che vive nei boschi montani del Giappone durante il periodo Taisho. Orfano del padre, per sostenere economicamente la famiglia, è solito andare al villaggio più vicino per vendere il carbone che egli stesso preleva. Un giorno, purtroppo, tornato a casa dopo essersi fermato a dormire al villaggio, si ritrova uno straziante scenario davanti a se, l’intera famiglia è stata infatti sterminata da un Demone. Nessuno si è salvato…nessuno tranne la sorella minore Nezuko. Nezuko, tuttavia, è stata trasformata in un demone e così inizia l’avventura di Tanjiro Kamado nella disperata ricerca di un metodo per far tornare la sorella un essere umano.

Demon Slayer: il Manga

I capitoli, in tutto 205, sono poi stati raccolti in volumi tankobon che hanno visto la loro conclusione con il 23° numero pubblicato lo scorso 4 Dicembre 2020. Da pochi mesi anche in italia si è concluso con il numero 23 e l'editore Star Comics ha proposto varie versioni speciali per commemorarne l'evento, compreso il box a forma di scatola di Nezuko, nel quale è possibile riporre tutti i 23 volumi regolari. Nonostante sia concluso da anni, grazie alla sua enorme ventata di popolarità, il manga di Demon Slayer è uno dei più venduti di sempre e può vantare il piazzamento delle posizioni più alte nelle classifiche di vendita dei volumi Tankobon.

Prodotto Consigliato

Demon Slayer Manga n.1

Giappone, albori del ventesimo secolo. Il giovane Tanjiro, un gentile venditore di carbone, vede la sua quotidianità stravolta dallo sterminio della famiglia a opera di un demone.

L'anime di Demon Slayer

A partire da aprile 2019, la serie ha ricevuto un adattamento animato in corso, che è stato trasmesso in simulcast in Italia grazie alla piattaforma digitale VVVVID. Successivamente, è stata pubblicata in formato fisico attraverso la distribuzione dei cofanetti DVD e Blu-ray a cura di Dynit. La prima stagione dell'anime, composta da 26 episodi, è attualmente disponibile in streaming su Amazon Prime Video, coprendo gli archi narrativi fino alla saga del Treno di Mugen. Tale saga è stata oggetto di un adattamento cinematografico intitolato Demon Slayer il film: Saga del Treno dell'Infinito, che rappresenta un elemento cruciale nel canone della storia. Il film, che ha riscosso un successo straordinario in Giappone, ha addirittura superato gli incassi del celebre film americano Avatar. Inoltre, il film funge da collegamento con la seconda stagione dell'anime, anch'essa disponibile su Crunchyroll insieme alla terza stagione, rilasciata pochi mesi fa.

Advertisement
Advertisement

Demon Slayer Giappone, periodo Taisho. Tanjiro trova la sua famiglia massacrata da un demone mentre sua sorella minore Nezuko, l’unica sopravvissuta, è stata lei stessa trasformata in un demone. Tanjiro decide quindi ... Apri scheda

Il Viaggio Prosegue...

L'acclamazione del pubblico nei confronti di Demon Slayer è attribuibile, in gran parte, alla sua trama ben strutturata e alla caratterizzazione dei personaggi. Oltre a Tanjiro Kamado e Nezuko Kamado, il team dei personaggi principali include anche gli spadaccini Zenitsu Agatsuma e Inosuke Hashibira, i quali si uniscono a Tanjiro e Nezuko durante la loro avventura. Lungo il loro viaggio, Tanjiro e Nezuko incontrano diversi personaggi, tra cui Giyū Tomioka, che si rivelerà essere uno dei Pilastri. È proprio Giyū che decide di risparmiare la vita di Nezuko, nonostante sia diventata un demone, poiché sembra aver mantenuto la sua coscienza umana nonostante tutto.

Advertisement

Dopo aver combattuto per difendere Nezuko, Tanjiro riesce a convincere Giyū che Nezuko non si è mai cibata di esseri umani. Giyū invita quindi Tanjiro a recarsi al monte Sagiri per essere addestrato da Sakonji Urokodaki.

L’allenamento con Urokodaki

Per circa un anno e mezzo, Tanjiro Kamado viene addestrato da Urokodaki nella tecnica della Respirazione dell'Acqua, migliorando la sua forma fisica e le sue abilità. Un giorno, Urokodaki rivela a Tanjiro di non avere più nulla da insegnargli e gli offre l'opportunità di accedere all'esame di selezione per diventare un ammazza demoni se fosse riuscito a distruggere un enorme masso di roccia con la sua spada. Nel frattempo, Nezuko continua a dormire mentre Tanjiro si impegna ogni giorno per quasi sei mesi nel tentativo di superare la sfida. Tuttavia, arriva al punto di rinunciarvi, ma improvvisamente appare una coppia di ragazzi mascherati da volpe, Sabito e Makomo, che lo spronano e lo incoraggiano per altri sei mesi.

Advertisement

Durante un allenamento con Sabito, Tanjiro finalmente riesce a rompere la maschera di Sabito, rendendosi conto che Sabito e Makomo erano in realtà degli spiriti. In quel momento, Tanjiro si accorge di aver spezzato in due l'enorme masso di roccia. Durante l'esame di selezione degli ammazza demoni, Tanjiro si trova di fronte al Demone delle Mani, che lo riconosce come discepolo di Urokodaki e giura di ucciderlo come ha fatto con i suoi predecessori. In quel momento, Tanjiro scopre la vera identità di Sabito e Makomo e il fatto che siano stati sconfitti proprio da quel demone. Pieno di rabbia, Tanjiro trova la forza di sconfiggere il nemico, individuando prima la sua debolezza e poi decapitandolo definitivamente grazie a una delle tecniche della Respirazione dell'Acqua.

Cosa sono le Nichirin?

Un elemento affascinante di questa storia, oltre ai vivaci abiti tradizionali, sono i combattimenti con armi bianche e lo sviluppo di tecniche uniche per ciascun ammazza demoni addestrato in uno specifico stile di combattimento. Ogni ammazza demoni è equipaggiato con una katana chiamata Nichirin (Spada del Sole), che assume un aspetto e una colorazione particolare a seconda del suo possessore. Quando Tanjiro Kamado impugna la lama della sua Nichirin, questa assume una colorazione nera, simbolo di grande sventura tra i cacciatori di demoni. 

Chi sono i Pilastri?

Nel corso della storia, fin dall'inizio, compaiono e interagiscono con i protagonisti alcuni personaggi di grande importanza chiamati Pilastri. Essi rappresentano i migliori tra gli Ammazza demoni e occupano le posizioni più alte nella gerarchia dell'organizzazione. Un esempio di riferimento potrebbe essere paragonarli ai Gold Saint in Saint Seiya, condividendo anche un certo carisma, soprattutto in alcuni di loro. I Pilastri sono sotto il comando diretto del Capofamiglia, una figura misteriosa che ispira rispetto e riverenza in tutti i Pilastri.

Dopo una missione estremamente difficile che ha messo alla prova il gruppo, come la battaglia nella montagna contro il demone Rui, Tanjiro si risveglia di fronte ai Pilastri, i quali iniziano a giudicarlo per aver viaggiato in compagnia di un demone, violando una delle regole fondamentali dell'organizzazione.

I Pilastri includono:

  • Giyū Tomioka: Pilastro dell'Acqua.
  • Shinobu Kochō: Pilastro degli Insetti.
  • Kyōjuro Rengoku: Pilastro delle Fiamme.
  • Tengen Uzui: Pilastro del Suono.
  • Mitsuri Kanroji: Pilastro dell'Amore.
  • Muichirō Tokitō: Pilastro della Nebbia.
  • Gyōmei Himejima: Pilastro della Pietra.
  • Obanai Iguro: Pilastro delle Serpi.
  • Sanemi Shinazugawa: Pilastro del Vento.


Questi Pilastri hanno un ruolo di grande importanza nella trama, fornendo supporto, guida e combattendo al fianco dei protagonisti per affrontare le minacce dei demoni e preservare l'umanità.

Chi è Kibutsuji Muzan, il cattivo della serie?

All'interno del genere shonen, un antagonista degno di nota è fondamentale. Nel caso di Demon Slayer, l'antagonista principale è un autentico cattivone chiamato Kibutsuji Muzan. Egli è il primo demone da cui tutti gli altri hanno avuto origine e, inoltre, è responsabile dello sterminio della famiglia Kamado. Muzan possiede numerosi poteri, tra cui la capacità di trasferire i suoi poteri ad altri demoni per potenziarli. Spesso si trasforma in esseri umani per celare la sua vera identità, ma Tanjiro è uno dei pochi individui a conoscere il suo aspetto.

La missione della squadra degli Ammazza demoni e dei Pilastri è quella di sterminare tutti i demoni e individuare definitivamente Muzan, che continua a muoversi sfruttando i demoni più potenti conosciuti come le Dodici Lune Demoniache, creando un esercito personale al suo servizio.

La sfida principale per Tanjiro e i suoi alleati è sconfiggere Muzan, porre fine al suo regno di terrore e proteggere l'umanità dalla minaccia dei demoni. La lotta contro Muzan rappresenta il culmine della narrazione, con l'obiettivo finale di eliminare la fonte stessa del male e ripristinare la pace nel mondo dei demoni e degli umani.

L'impatto di Demon Slayer nella cultura POP

Il clamore che ha ottenuto Demon Slayer è stato sorprendente ma inarrestabile fin dal suo primo numero, fino a raggiungere il piazzamento tra i primi 22 tankobon più venduti del Giappone. La trama è coinvolgente e, a differenza delle sue controparti più lunghe, non si protrae per decenni. Questo ha catturato l'attenzione dei fan desiderosi di immergersi in una serie condensata di azione e atmosfera tipiche del Giappone pre-industriale.

Demon Slayer ha ottenuto consensi anche da maestri del settore come Eiichiro Oda (One Piece) e nel novembre 2020 poteva vantare numeri strabilianti, con ben 120 milioni di copie vendute e una crescita costante. Secondo un'analisi statistica condotta dal sito Goo Ranking su un campione di circa 2300 lettori di Weekly Shonen Jump, la serie si è classificata come la seconda più commuovente tra quelle pubblicate dal mensile giapponese.

Un successo che si è naturalmente replicato anche in Italia, dove sempre più fan si uniscono a quelli esistenti grazie alla distribuzione dell'anime su piattaforme di streaming come Amazon Prime Video e Netflix, per poi acquistare il manga e continuare a scoprire come si sviluppa la storia. Noi la raccomandiamo vivamente.

Prodotto Consigliato

Demon Slayer - The Comp.Series (Ep.1-26)

Una storia avvincente con animazioni incredibili in un intreccio narrativo sviluppato nel periodo Taisho, in Giappone, tra demoni e cacciatori

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti al nostro canale Telegram e rimani aggiornato!

Sto cercando articoli simili...