Star Wars: The Acolyte - Episodio 5: come cambia la storia dei Sith?

Autore: Manuel Enrico ,

Con il suo quinto episodio, Star Wars: The Acolyte ha finalmente rivelato l'identità del suo misterioso Signore dei Sith, con un evento che potrebbe riscrivere la storia dei Sith nel processo. 

Abbonati adesso a Disney Plus a partire da 5,99€ al mese

Advertisement

La serie di Disney Plus ha mostrato un massacro di Jedi per mano del maestro di Mae, rivelatosi essere Qimir. Notte si è rivelato un episodio pieno di azione, emozionante e ricco di sorprendenti duelli con spade laser, una trama avvincente e le tragiche morti di molti Jedi.

Cosa succede in Notte

In Notte, i Jedi affrontano finalmente il Maestro di Mae, che si presenta come un Sith. Dopo aver ucciso il Maestro Kelnacca, il Sith si lancia in uno scontro contro i Jedi, decimandoli spietatamente, mostrando un’incredibile abilità con la spada laser. In questa lotta, rimangono vivi sino alla fine solamente Sol, la sua padawan Jecki e Yord Fandar.

Nonostante la loro bravura e una lotta fianco a fianco con Jecki, Sol è l’unico a sopravvivere, capace di affrontare il Sith anche dopo che questo utilizza il suo elmetto e il suo guanto come armi, grazie alla loro capacità di disattivare il flusso energetico che compone le lame delle spade laser.

LucasFilm
star wars the acolyte

Notte è pura azione, mostrando il guerriero Sith che elimina i Jedi lo avevano accerchiato nell'episodio precedente. Queste sequenze hanno offerto alcune delle migliori azioni con ile spade laser nella storia di Star Wars, includendo anche interessanti dettagli narrativi. Un esempio di questi ultimi è stato quando il Sith ha bloccato una spada

Advertisement

Chi è lo Straniero?

Una delle rivelazioni più grandi è venuta da Qimir, che ha rivelato che i Jedi lo considererebbero un Sith. Sin dalle prime notizie sulla serie, si era ipotizzato che lo Straniero non fosse un Sith, ma solo un utilizzatore del lato oscuro, simile a come Kylo Ren lo era in Il Risveglio della Forza. Tuttavia, la conferma di Qimir ancora solleva alcune domande sulle sue alleanze e qual è il suo obiettivo ultimo.

Advertisement

Nel discorso di Qimir al Maestro Sol, in cui descrive chi è, Qimir risponde:

Non ho un nome....ma i Jedi come te mi chiamerebbero Sith 

Sebbene non sia nulla di concreto, la formulazione di Qimir suggerisce che il termine Sith non provenga dagli utilizzatori del lato oscuro, ma dai Jedi.

Anche se è solo un suggerimento, questa teoria potrebbe avere un certo fondamento. Sebbene l'affermazione di Qimir possa suggerire che non sia un vero Sith come molti hanno teorizzato, è possibile che Sith sia un termine generico che i Jedi applicavano a qualsiasi utilizzatore del lato oscuro. 

Advertisement

Sith: identità o insulto?

Sebbene Star Wars generalmente eviti nomi dispregiativi, ha sviluppato il suo linguaggio di insulti e frasi volgari. Uno dei più comuni è dank farrik, che può essere un'esclamazione ma di solito viene usato per esprimere rabbia o eccitazione, utilizzato in titoli come The Mandalorian e The Book of Boba Fett

Altri insulti di Star Wars includono karabast, che è stato più spesso usato da Garazeb "Zeb" Orrelios in Star Wars Rebels.  Poiché Star Wars è ancora fondamentalmente destinato ai più giovani, l'uso di parolacce esplicite nei suoi media non è stato molto comune, anche se Andor ha cambiato un po' questa situazione.

LucasFilm
star wars the acolyte

Nella continuità ora non canonica di Legends, termini come feccia Sith e sangue di Bane erano usati come termini dispregiativi dai Jedi. Sangue di Bane ha origine dal Signore dei Sith Darth Bane, che nella serie Legends ha creato la Regola dei Due dei Sith.

Advertisement

La Regola dei Due fa parte anche del canone e spiega perché non ci sono mai più di due Sith contemporaneamente. Con una storia di Jedi che creano termini dispregiativi per gli utilizzatori del lato oscuro, non è un salto troppo grande pensare che "Sith" fosse esso stesso un termine dispregiativo usato dai Jedi per descrivere i loro nemici.

È possibile che il termine Sith abbia avuto origine come termine dispregiativo usato dai Jedi nei confronti degli utilizzatori del lato oscuro. Nel corso del tempo, i Sith potrebbero aver riconquistato il termine e quindi scelto come nome per il loro ordine, forse per deridere i Jedi. Sebbene non ci siano molte prove a sostegno di questa ipotesi, i dettagli sull'origine della parola Sith potrebbero essere rivelati nei futuri episodi di Star Wars: The Acolyte, o addirittura nel prossimo film di James Mangold su Star Wars: Dawn of the Jedi.

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti al nostro canale Telegram e rimani aggiornato!

Sto cercando articoli simili...