Star Wars: The Acolyte - Episodio 5: il volto del male e altri riferimenti

Autore: Manuel Enrico ,

L’atteso quinto episodio di Star Wars: The Acolyte, Notte, ha portato su Disney Plus uno dei più intensi combattimenti con le spade laser dell’intera saga. La presenza di un gruppo di cavalieri Jedi si è rivelata un’ottima chance di vedere in azione diversi stili, come ci si potrebbe attendere dai guerrieri dei tempi dell’Alta Repubblica.

Abbonati adesso a Disney Plus a partire da 5,99€ al mese

Advertisement

In Notte, finalmente il misterioso maestro di Mae si toglie la maschera rivelando la sua identità, dopo aver affrontato la squadra di Jedi guidata dal Maestro Sol, giunta su Khofar nel tentativo di salvare il Maestro Kelnacca dalla furia di Mae. Dopo un entusiasmante cliffhanger nel precedente episodio, Star Wars: The Acolyte si lancia in un episodio intenso, ovviamente ricco di citazioni e riferimenti alla saga.

I Sith si rivelano

Durante la sua lotta contro i Cavalieri Jedi, il maestro di Mae non si limita ad usare la spada laser, ma utilizza come armi anche il proprio elmo e uno dei guanti, che hanno un potere unico: disattivare le spade laser e bloccare le loro lame. Questo porta a pensare che questi pezzi della sua armatura siano composti di cortosis, un materiale che nel Legends di Star Wars era presentato come un raro materiale che veniva usato, specialmente nei racconti successivi a Il Ritorno dello Jedi ritorna spesso.

LucasFilm
star wars the acolyte

Il cortosis viene quindi introdotto nel Canon con questo episodio, ma con questa apparizione ottiene anche un potere mai visto prima: bloccare la telepatia. Durante lo scontro con Sol, infatti, quanto questi invita il Sith a levarsi la maschera per mostrare il suo volto, il maestro di Mae nega questo diritto sostenendo che non gli consentirà di leggergli la mente. Pare dunque che il cortosis possa bloccare la telepatia, un tratto distintivo che fa venire alla mente gli X-Men, ricordando l’elmo con cui Magneto si protegge dalla telepatia di Xavier.

Advertisement

La vera rivelazione di questo episodio è l’identità del maestro di Mae: Qimir. Quando si presenta a Sol, questi non si identifica con un nome specifico, ma sostiene di voler rivendicare la propria libertà nell’usare la Forza, sostenendo di essere quello che i Jedi chiamerebbero Sith. Questo porta a pensare che Qimir sia più interessato a seguire le vie del Lato Oscuro come affinità al suo modo di opporsi ai dettami Jedi, e che il suo cercare un apprendista non sia una vera e propria aderenza alla Regola dei Due quanto una volontà di creare una sorta di contrapposizione all’Ordine Jedi.

Lucasfilm
star wars the acolyte

Indipendentemente dal suo particolare status Sith, Qimir afferma che tutti i Jedi che hanno visto il suo volto devono morire. Essendo stato parzialmente smascherato da Mae, sembra che voglia ripristinare il suo anonimato, seguendo l'imperativo sottostante dei Sith, dove i Sith cercavano di rimanere nell'ombra fino a quando non fossero pronti a mettere in atto la loro completa vendetta contro l'Ordine Jedi e prendere il controllo dell'intera galassia.

Advertisement

Maestro e Apprendista

Avendo già ucciso cinque Jedi, la miglior difesa che i Cavalieri Jedi orchestrano è un combattimento in cui Maestro e allievo si oppongono al sito. Nel momento in cui Sol e la sua padawan Jecki Lon lottano contro il Sith è difficile non ripensare a quando Qui-Gon Jnn e Obi-Wan Kenobi affrontano Darth Maul su Naboo in La Minaccia Fantasma. Combinando i loro poteri e abilità come maestro e apprendista, Sol e Jecki riescono apparentemente a tenere a bada il Sith più a lungo rispetto alla maggior parte degli altri, testimoniando il forte legame che si instaura tra maestri e allievi.

LucasFilm
star wars the acolyte

Quando Qimir uccide Jecki, per lo sconforto Sol dice al Sith che "era solo una bambina". Tuttavia, Qimir risponde semplicemente che è stato Sol a portarla in una missione così pericolosa, una chiara accusa all'Ordine Jedi per il reclutamento e l'addestramento dei bambini, una critica che cresce e peggiora ulteriormente al tempo delle Guerre dei Cloni, quando i Padawan divennero letteralmente bambini soldato che aiutavano a comandare i cloni in battaglia.

Advertisement

Sorelle ricongiunte

Desiderando riunirsi con la sua sorella gemella, Mae non si preoccupa più di servire Qimir. Tuttavia, ciò sembra essere cambiato dopo che Osha rifiuta di abbracciare sua sorella, continuando a credere che sia esclusivamente responsabile della morte della loro famiglia. In risposta, Mae lamenta che Osha sia stata sottoposta a lavaggio del cervello e che i Jedi l'abbiano "messa contro di me". Questo rispecchia le parole di Anakin in La Vendetta dei Sith quando accusa di Obi-Wan Kenobi di aver messo Padmé contro di lui.

LucasFilm
star wars the acolyte

Travestita da Osha, Mae si dirige con Sol per lasciare Khofar. Avviandosi verso la loro nave, passano accanto a due alieni che sembrano giocare a una versione a bassa tecnologia di Dejarik. Dejarik è il classico gioco di holo-scacchi visto a bordo del Millennium Falcon, la sua prima apparizione risale al film del 1977, Una Nuova Speranza.

Advertisement

I precedenti episodi di Star Wars: The Acolyte

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti al nostro canale Telegram e rimani aggiornato!

Sto cercando articoli simili...