Guida ai pianeti di Rebel Moon

Autore: Giuseppe Benincasa ,
Copertina di Guida ai pianeti di Rebel Moon

Nel film Rebel Moon di Zack Snyder, si apre uno straordinario universo di fantascienza ricco di pianeti originali e culture uniche. Grazie alla visita di ScreenRant sul set di Rebel Moon, abbiamo l'opportunità di approfondire lo sviluppo dei molti mondi presenti in questo affascinante universo.

Sebbene siano presenti numerosi pianeti nell'universo di Rebel Moon, il primo film, intitolato Rebel Moon: Figlia del Fuoco, ne presenta sette. In questo articolo ve ne sono presentati 8, poiché l'ultimo è il pianeta che dà il titolo alla saga ma si vedrà solo nel secondo capitolo La Sfregiatrice.

Advertisement

Uno dei principali obiettivi del team creativo è stato garantire che ciascun pianeta avesse un aspetto e una cultura distinti, al fine di offrire la massima diversità di ambientazioni possibile. Mentre il pianeta Veldt è stato girato in location a Santa Clarita, in California, la maggior parte degli altri pianeti è stata costruita negli studi di Sunset Gower a Hollywood.

Prima di scoprire i 7 pianeti di Rebel Moon ricordiamo che al momento sono previsti due capitoli di questa epopea ossia Parte 1 - Figlia del Fuoco, in arrivo il 22 dicembre solo su Netflix, e Parte 2 - La Sfregiatrice, dal 19 aprile 2024 solo su Netflix. Oltre a questo, Snyder lavorerà a una versione uncut (non censurata) come lui stesso ha dichiarato.

Toa

Il pianeta Toa è la capitale e la Madrepatria dell'Imperium. L'Imperium è stato al potere fin dai tempi immemorabili, anche se c'è stata una violenta cambio di regime appena quattro anni prima degli eventi di Rebel Moon: Figlia del Fuoco.

Advertisement

Il production designer Stefan Duchant ha affermato che l'estetica complessiva di Rebel Moon ruota attorno a una dicotomia di brutalismo ed armonia, con Toa che incarna il brutalismo. Vi sono prove di una volta grande civiltà all'apice dell'arte e della tecnologia, ma dopo la morte della Famiglia Reale, come sottolineato dalla produttrice Deborah Snyder "tutto quel tipo di apprezzamento per l'arte di ogni cosa si è perso."

Veldt

Advertisement

Veldt è una piccola luna che orbita attorno a un gigante gassoso rosso. Il pianeta rosso nel cielo è un elemento predominante nell'arte concettuale e influisce notevolmente sull'illuminazione, con numerose scene girate durante "l'ora doro" sopra campi di grano.

Veldt è il luogo in cui si trova la comunità agricola al centro del conflitto in Rebel Moon e dove ha inizio la storia. Questo pianeta è principalmente pacifico e rappresenta l'armonia in netto contrasto con la brutalità di Toa. Inoltre, Veldt è la sede di Providence, un insediamento dal design che richiama le città di frontiera giapponesi dell'Ovest, dotato di uno spazioporto e di un bar descritto da Deborah Snyder come "dal tocco un po' malizioso".

Neu Wodi

Advertisement

Neu Wodi è il luogo in cui Kora (interpretata da Sofia Boutella) trova Tarak (interpretato da Staz Nair) nel suo sforzo di reclutare guerrieri per difendere Veldt.

Duchant ha dichiarato che il pianeta è in gran parte ispirato da influenze del Nord Africa, ma al di là di questo, si sa molto poco. Nel trailer di Rebel Moon, vediamo un deserto montuoso che ricorda qualcosa tratto direttamente da Conan il Barbaro, dove Tarak cattura un grifone.

Pollux

Advertisement

Pollux rappresenta un altro pianeta in cui Kora si reca alla ricerca di guerrieri ed è stato uno dei primi pianeti svelati nei concept art di Rebel Moon, che mostravano gli eroi che scendevano da una nave nel deserto con un'antica città sullo sfondo.

Pollux ha un clima arido e presenta i resti di un'antica civiltà. Pollux ricorda vagamente il pianeta Jedha di Rogue One: A Star Wars Story. Il paragone tra Star Wars e Rebel Moon verrà fuori spesso (ne ha parlato anche il regista Zack Snyder).

Daggus

Nel concept art di Daggus emerge una città di fantascienza dall'estetica neon-noir, evocando qualcosa che ricorda Blade Runner.

Secondo quanto affermato da Duchant: "Daggus è dove abbiamo questa tecnologia stratificata che crea una rete di diverse fasce della società sovrapposte l'una all'altra". Daggus è anche la dimora di Harmada, un ibrido alieno-umano a forma di ragno interpretato da Jena Malone, mostrato mentre combatte contro Nemesis nel trailer di Rebel Moon.

Sharoan

A differenza delle basi tecnologiche di Daggus, Sharoan è un pianeta molto più mistico e basato sulla spiritualità, come dimostrato dai concept art che mostrano immagini di statue e figure simili a teste di Budda e altre influenze spirituali orientali. Non sono stati forniti dettagli aggiuntivi, ma dato l'accento di Rebel Moon sulla dicotomia tra brutalità ed armonia, è probabile che l'equilibrio spirituale di un pianeta come Sharoan e delle persone o culture che vi abitano sia in netto contrasto con la natura più spietata dell'Imperium.

Gondeval

Gondeval potrebbe essere il pianeta più misterioso tra tutti, poiché la sua esistenza è tutto ciò che è stato rivelato finora. Se ciò è dovuto al fatto che ha un impatto minore sulla trama o perché i dettagli sul pianeta sono ricchi di spoiler, rimarrà un mistero fino a quando Rebel Moon non arriverà su Netflix.

Vanna

Vanna è una luna vicina alla Madrepatria dell'Imperium di Toa, chiamata dall'Imperium stesso "la Rebel Moon," da cui la franchise prende il suo nome. Ironicamente, mentre ogni altro pianeta di questa lista sarà visitato nella Parte 1 , Vanna non comparirà nemmeno sullo schermo fino a Rebel Moon: La Sfregiatrice nel 2024. Il fatto che l'Imperium la chiami "la Rebel Moon" suggerisce che potrebbe svolgere un ruolo chiave nell'insurrezione contro l'Imperium e potrebbe avere un collegamento con Darrian Bloodaxe (interpretato da Ray Fisher) e il suo gruppo di combattenti ribelli.

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti al nostro canale Telegram e rimani aggiornato!

Sto cercando articoli simili...