The Marvels: tutti gli easter egg della nuova avventura di Captain Marvel

Autore: Manuel Enrico ,
Copertina di The Marvels: tutti gli easter egg della nuova avventura di Captain Marvel

Pianeti in pericolo, vendetta ed espiazione sono il motore di The Marvels, terzo capitolo cinematografico della Fase Cinque del Marvel Cinematic Universe. Seguito di Captain Marvel e profondamente legato alla serie disponibile su Disney+ Ms. Marvel, The Marvels rappresenta un banco di prova importante per un franchise in ambasce, che dopo Ant-Man and the Wasp: Quantumania è alla ricerca di un nuovo equilibrio. 

La nostra recensione di The Marvels vi svela se questo compito è stato raggiunto, ora è tempo di lanciarci nella tradizionale caccia agli easter egg presenti nel nuovo film del Marvel Cinematic Universe. Una precauzione: proseguire la lettura vi espone a un serio rischio spoiler! Motivo per cui consigliamo la lettura di questo articolo solo dopo la visione del film. 

The Marvels: tutti gli easter egg e i riferimenti del nuovo film del Marvel Cinematic Universe

Gli easter egg e i riferimenti all'MCU sono diventati qualcosa che gli spettatori sono ormai abituati a cercare e aspettarsi su qualche livello. Grazie a decenni di storia dei fumetti e a 40 film e spettacoli dell'MCU negli ultimi 15 anni, non mancano opportunità per Marvel Studios di fare riferimento a se stessi e al materiale originario. Per il terzo film della Fase 5, ci sono dettagli speciali e camei da cogliere dal momento in cui inizia fino a quando viene vista la scena dei titoli di coda de The Marvels. Questo include luoghi dei fumetti, il ritorno di veterani dell'MCU, riferimenti agli show Disney+, e molto altro.

Advertisement

Una nuova intro 

Ogni film dell'MCU inizia con una versione del tipico logo e fanfara degli Studios Marvel, ma The Marvels apporta una sottile modifica all'approccio usuale. Invece di evidenziare l'intera storia del franchise e aggiungere qualche nuovo frammento ogni volta, The Marvels utilizza principalmente immagini di Carol Danvers, Monica Rambeau e Kamala Khan. Questo include sequenze da Captain Marvel, WandaVision, Ms. Marvel e altro ancora, permettendo al film di mettere immediatamente in primo piano le sue tre protagoniste.

Supereroi e fumettisti

L'inizio de The Marvels include un divertente collegamento tra Kamala Khan e la vita reale di Iman Vellani, poiché la giovane supereroina viene mostrata mentre scrive e disegna i suoi fumetti di Ms. Marvel. La scelta non solo offre al film la possibilità di presentare una sequenza animata all'inizio, ma si collega anche al fatto che nella realtà Iman Vellani ha scritto fumetti di Ms. Marvel per la Marvel. L'attrice ha scritto la miniserie Ms. Marvel: The New Mutant nel 2023, che ha incorporato il cambio di origine dell'MCU per rendere Kamala Khan una mutante anche nei fumetti.

Le colpe di Captain Marvel

La comparsa di Carol Danvers in The Marvels include un easter egg da Captain Marvel, nel quale utilizza una tecnologia Skrull familiare. Gli Skrull hanno utilizzato questa tecnologia in Captain Marvel per esaminare i ricordi di Carol e localizzare Mar-Vell, ma era anche un po' un dispositivo di tortura. Ora, Carol utilizza una versione perfezionata della tecnologia nel tentativo di aiutarla a recuperare i ricordi della sua vita sulla Terra prima che i Kree la prendessero e le cancellassero la memoria.

Advertisement
Advertisement

Uno dei pianeti che Carol, Monica e Kamala visitano in The Marvels è Tarnax, una colonia rifugio degli Skrull. Anche se il pianeta e la colonia sono nuovi nell'MCU, potrebbero essere familiari ai lettori di fumetti. È stato introdotto nelle pagine di Fantastic Four #18 nel 1963 come capitale dell'Impero Skrull. Tarnax IV, noto anche come Throneworld, è stato protagonista in trame che coinvolgono i Fantastici Quattro, Captain Marvel, gli Illuminati, gli X-Men, Galactus e molti altri personaggi. Nelle storie a fumetti, è Galactus, non Dar-Benn, a distruggere Tarnax.

The Marvels ha poche connessioni con Secret Invasion, ma l'introduzione dell'Imperatore Dro'ge su Tarnax ha una certa rilevanza nei fumetti. Il personaggio Dro'ge Fenu Edu è il "Capo Sacerdote delle Scienze" della Corte Imperiale degli Skrull. È responsabile della creazione degli Super-Skrull nei fumetti e ha lavorato per la Regina Veranke nella trama a fumetti di Secret Invasion. Con nessuno di questi elementi utilizzati per la serie Disney+, Dro'ge viene promosso ad Imperatore della colonia rifugio e probabilmente non ha conoscenza degli Super-Skrull nell'MCU.

Un altro rapido riferimento alla mitologia dell'MCU arriva mentre Kamala e sua madre parlano della missione imminente per salvare la galassia. La madre di Kamala si riferisce a Nick Fury chiamandolo Nicholas, e Kamala la corregge dicendo che il suo nome è solo Fury. Questo fa riferimento al ruolo di Nick Fury in Captain Marvel, dove afferma di preferire essere chiamato solo Fury, non Nick o Nicholas o qualsiasi altra cosa.

La vendetta di Hala

La villain di The Marvels è Dar-Benn, versione del Marvel Cinematic Universe di un personaggio poco noto della dimensione fumettistica marveliana. La prima apparizione di Dar-Benn risale al 1991, in Silver Surfer #53, parte del mega evento Operazione: Tempesta nella Galassia. Generale nel grande Impero Kree, Dar-Benn, insieme al generale Kree Ael-Dann, coordinò un complotto per assassinare un leader Kree chiamato Clumsy Foulup. I generali successivamente assassinarono Foulup utilizzando un impostore robot Silver Surfer, lasciando Dar-Benn e Ael-Dann come co-sovrani dell'Impero Kree di Marvel. Tuttavia, questo fu un breve regno.

Advertisement

Marvel Comics
Dar-Benn
Dar-Benn

Un tiranno brutale, Dar-Benn si considerava superiore al precedente leader Kree. Vedeva quel governante come debole e riteneva che dovessero eliminarlo. Anche il famigerato villain Kree Ronan l'Accusatore era considerato debole da Dar-Benn nei fumetti Marvel. Ma Dar-Benn trovò il suo avversario quando la leader degli Shi'ar, Deathbird, spesso nemica degli X-Men e di Carol Danvers, uccise il suo braccio destro Ael-Dann di fronte a lui. Non passò molto tempo prima che Deathbird uccidesse anche Dar-Benn, diventando la nuova leader dell'Impero Kree e chiamandosi ora Vicerè Cal’syee Neramani. Le menti di Dar-Benn e Ael-Dann furono alla fine assorbite nell'Intelligenza Suprema Kree.

Principi di altri mondi

Durante la permanenza su Aladna, Carol rivela di avere un particolare legame con il principe locale, Yan D'Aladna. Carol rivela che per evitare una crisi diplomatica, aveva accettato di sposare il principe di Aladna, riferimento a un evento legato una capitolo della vita fumettistica di Captain Marvel che risale al 2014. 

Advertisement

Nei fumetti Marvel, il Principe Yan di Aladna compare per la prima e finora unica volta nel numero 9 di Captain Marvel (Vol.8) del 2014. In questo numero, Carol Danvers, che era diventata da poco Captain Marvel, e il suo compagno alieno Tic si dirigono verso il lontano mondo di Aladna per aiutare una rockstar mutante di nome Lila Cheney, che è anche un'avventuriera cosmica. Lila Cheney ha il potere mutante di teletrasportarsi attraverso il cosmo, il che l'ha portata in molti intrecci con gli X-Men e Carol nel corso degli anni. Ora, Lila si trova intrappolata in un indesiderato fidanzamento con la nobiltà aliena e ha bisogno della vecchia amica Carol per liberarla. Nel mondo del Principe Yan, tutti devono fare rime quando parlano.

Marvel Comics
Yan D'Aladna
Yan D'Aladna

Quando era bambina e i suoi poteri mutanti si manifestarono per la prima volta, la giovane Lila Cheney si teletrasportò su Aladna e si innamorò del bel principe del pianeta. Lila era una mutante terrestre di notevole potenza che una volta frequentava Cannonball, uno studente di Xavier. Nel mondo del Principe Yan d'Aladna, solo le donne potevano scegliere i loro compagni di vita. Essendo proveniente dalla Terra, Lila non si rese conto che scegliere il Principe Yan comportava un impegno reale che doveva essere rispettato. Quando tornò su Aladna da adulta, costrinsero Lila a sposare il Principe Yan, anche se nessuno dei due lo desiderava.

Il Principe Yan chiese a Captain Marvel di aiutarlo a fermare la cerimonia opponendosi formalmente. Durante la cerimonia, Marlo di Sleen, desiderosa di governare Aladna, apparve con l'intenzione di sconfiggere Lila in combattimento e sposare Yan. Carol rappresentò Lila in battaglia e vinse. Ora ufficialmente fidanzata con Yan, Captain Marvel gli offrì il diritto di scegliere chiunque volesse sposare. Nella speranza di evitare che Yan fosse negato al trono se cercasse di non sposarsi, Tic si offrì volontario per diventare la moglie di Yan. Una volta diventato re, Yan abolì questa regola per Aladna.

Un nome per Capitan Rambeau

Uno degli siparietti ricorrenti in The Marvels è che Monica Rambeau non ha un soprannome da supereroe, e Kamala continua a cercare di idearne uno perfetto. Propone diverse opzioni, tra cui Professor Marvel più volte, ma Pulsar e Spectrum sono i due più notevoli. Entrambi sono titoli che Monica ha avuto nei fumetti, così come Photon è il nome in codice della madre di Monica, Maria Rambeau. Poiché il film si conclude senza che lei ottenga un nome adeguato, il titolo da supereroe di Monica Rambeau è ancora oggetto di dibattito. Tuttavia, quando vediamo le tre eroine ottenere dei costumi prima della battaglia su Aladna, Monica strappa dalla sua armatura quelli che sembrano dei veli che si attaccavano a braccia e schiena, che ricordano il costume fumettistico del personaggio quando aveva ereditato il titolo di Captain Marvel.

Gli spettatori possono vedere brevemente anche la Statua della Libertà ridisegnata dell'MCU in The Marvels. Ora ufficialmente nota come Liberty Avenger, la statua dorata che tiene lo scudo di Captain America è stata ricostruita dopo gli eventi di Spider-Man: No Way Home. Considerando che è apparsa brevemente anche in Ms. Marvel, il monumento sta diventando una parte sempre più importante delle narrazioni dell'MCU basate a New York.

Una nuova generazione di eroi

L'ultima scena de The Marvels si collega alla conclusione di Iron Man, quando Kamala Khan fa la sua migliore impressione di Nick Fury. È seduta nell'ombra dell'appartamento di Kate Bishop e inizia a chiederle se pensa di essere l'unica giovane supereroina al mondo, notando che il personaggio interpretato da Hailee Steinfeld è ora entrato in un universo più ampio. Anche se il nome dei Giovani Vendicatori non è menzionato direttamente, l'ambientazione familiare e la divertente parodia di Fury da parte di Kamala rendono ancora più interessanti i suoi piani di reclutamento.

Nella conclusione de The Marvels è presente anche un rapido riferimento a Cassie Lang (Kathryn Newton). Mentre Kamala presenta il suo caso a Kate, menziona di aver dei contatti per altri potenziali reclute. È qui che chiede a Kate se sapeva che Ant-Man aveva una figlia. La breve frase fa riferimento direttamente a Cassie Lang, e il tempismo è perfetto dopo che Ant-Man and the Wasp: Quantumania l'ha resa una supereroina a tutti gli effetti. Questo dovrebbe preludere all'ingresso di Cassie nel cast dei Giovani Vendicatori, proprio come avviene nei fumetti.

La bella e la Bestia

Una nuova versione di Maria Rambeau fa il suo ingresso nel multiverso dell'MCU grazie alla scena dopo i titoli de The Marvels. Nella scena, Maria è chiamata con il nome in codice da supereroe Binary, che è il nome di un duplicato di Carol Danvers nei fumetti. Indossando un costume rosso e bianco simile a quello di Maria nei titoli di coda, il nome indica che questa versione di Maria è probabilmente ancora più potente di Captain Marvel. Questo segna la seconda variante di Maria Rambeau con superpoteri introdotta nel multiverso dell'MCU, dopo Doctor Strange nel Multiverso della Follia.

Marvel Studios
Illuminati
Illuminati

La grande sorpresa de The Marvels è l'apparizione di Henry 'Hank' McCoy, alias Bestia, interpretato nientemeno che da Kelsey Grammer, già interprete del mutante nella saga degli X-Men dell'era Fox, dove aveva vestito la pelliccia bluastra di Bestia per la prima volta in X-Men: Conflitto Finale. Grammer torna in questo ruolo nove anni dopo X-Men: Giorni di un futuro Passato. Non sfugge come Bestia un aspetto molto diverso dal suo omologo nei film della Fox, ricordando maggiormente l’aspetto che Bestia aveva nella serie animata Gli Insuperabili X-Men, che sappiamo avrà ora un seguito, X-Men ’97. Anche in questa sua versione, Bestia è comunque parte degli X-Men, come indicato dalla menzione di Charles,  che si riferisce a Charles Xavier, alias Professor X.

In primo piano nella scena dei titoli di coda c'è una familiare porta argentata a tema X. Il design è copiato dai film originali degli X-Men, che presentavano porte simili sotto la Xavier's School For Gifted Youngsters. Anche se sembra che non si tratti dello stesso universo in cui hanno luogo i film originali degli X-Men, la connessione nel design mostra uno dei molti lasciti che i film hanno lasciato.

 

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti al nostro canale Telegram e rimani aggiornato!

Sto cercando articoli simili...